Corso di aggiornamento nazionale “Mesciua”

Corso di aggiornamento nazionale “Mesciua”

Nei giorni 8, 9 e 10 marzo 2017 si è svolto un corso di aggiornamento di livello nazionale finalizzato alla riscoperta e valorizzazione del pesce povero del Mar Mediterraneo.

Tra le tendenze che si sono affermate nel mondo dei consumi e della ristorazione ci sono sicuramente l’attenzione alle tradizioni del territorio e una maggiore sensibilità verso tipologie di consumo ecologicamente corrette, “etiche” in senso complessivo. La riscoperta delle specie ittiche, un tempo comunemente utilizzate nella ristorazione e ora dimenticate a favore di specie più ricche come orate, branzini, gamberoni, e la loro valorizzazione culturale e gastronomica, vanno in questa direzione valorizzando l’autentica alimentazione mediterranea L’antica pesca “alla sciabica di terra”, con un pescato vario e anticamente completamente utiliz<zato, pur essendo oggi pressochè scomparsa, può essere tuttora considerata l’efficacie simbolo del corso.

Obiettivi del corso sono stati:

  • Acquisire una conoscenza dinamica del principio globale di competenza da spendere nell’attività educativa professionale.
  • Sviluppare conoscenze trasversali finalizzate allo sviluppo di una miglior didattica.
  • Sviluppare e aggiornare conoscenze relative a tematiche di forte impatto nella trasformazione dei comportamenti e della sensibilità ai consumi.
  • Creare un modello applicativo da utilizzare praticamente nell’attività didattica quotidiana.

Il corso, organizzato in collaborazione con importanti partner quali Acquario di Genova, Confindustria alimentare sez. Genova, Sms società pescatori di Genova Pra, Cooperativa di pesca Pesce Pazzo Varazze, ha favorito inoltre favorito:

  • La corretta conoscenza di specie ittiche spesso considerate, a torto, secondarie;
  • La loro valorizzazione gastronomica;
  • La conoscenza di aspetti storici, ecologici, di cultura materiale in ambito culinario.